Crea sito
Martedì 17 Ottobre 2017

Utenti Registrati

Chi è online

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

L'Associazione Culturale PARTECIPAZIONE è socio fondatore della Fondazione Valle Bene Comune
L'Associazione Culturale PARTECIPAZIONE è è socio del Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio

Appuntamenti

Ottobre 2017
L M M G V S D
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /membri/partecipazione/joomla/plugins/content/plg_imagesized/plg_imagesized.php on line 88

Warning: Creating default object from empty value in /membri/partecipazione/joomla/plugins/content/plg_imagesized/plg_imagesized.php on line 91

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /membri/partecipazione/joomla/plugins/content/plg_imagesized/plg_imagesized.php on line 96

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Finalmente, perché finora è successo molto raramente, non sono d’accordo con le parole pronunciate da Papa Francesco.

Ieri, in un colloquio avuto con i giornalisti, durante il viaggio aereo che lo portava a Manila, il Papa ha detto, tra l’altro, ”La religione non può mai uccidere, non si può farlo in nome di Dio, ma non si può deridere la fede altrui” precisando, poi, che non si può provocare né prendere in giro la religione di un altro e, con un esempio, che “se il mio amico Gasbarri dice una parolaccia sulla mia mamma, si aspetti un pugno” perché è normale.

 

Naturalmente, condivido pienamente l’affermazione secondo la quale non si può uccidere in nome di Dio o di una religione, così come, a mio parere, non si può farlo per nessun altro motivo (sono assolutamente contrario alla pena di morte) con l’unica eccezione della legittima (proporzionata all’offesa ed inevitabile quindi) difesa.

Le restanti parole pronunciate dal Santo Padre, invece, le ritengo sbagliate per due motivi.

Il primo, relativo alla situazione particolare, stabilisce un rapporto inappropriato di causa-effetto fra la pubblicazione delle vignette sul giornale satirico ed il massacro, laddove, tutte le indagini svolte hanno dimostrato, inequivocabilmente, che la programmazione di una serie di attentati contro “gli infedeli” ed il Mondo Occidentale non trova origine nei disegni. Semmai, l’influenza che questi ultimi possono aver avuto è quella di aver calamitato l’attenzione dei criminali e di aver trasformato in bersagli gli autori e l’intera redazione del giornale.

Il desiderio di “martirio”, espressa in più occasioni dagli attentatori, non lascia alcun dubbio. Nel loro delirante proposito, che ha trasformato in veri martiri involontari della libertà di pensiero e di espressione le proprie vittime e loro in disumani sanguinari carnefici, è certo che i tre assassini francesi non avrebbero avuto alcuna difficoltà ad individuare, nella loro mente turbata, altri obiettivi nemici.

Del resto, proprio questa mattina, si è parlato di un possibile inserimento del Colosseo fra gli oggetti di futuri attentati e, francamente, mi riesce difficile immaginare che tale monumento possa costituire, in qualche modo, un insulto per la fede islamica.

In secondo luogo, ritengo che sia proprio dalle limitazioni delle libertà di pensiero e di espressione che germoglino gli integralismi e l’intolleranza. Non credo, infatti, che possano esistere piani diversi dalla ragione che siano capaci di garantire il rispetto e la civile convivenza, né che si possano individuare forme di censura o di autocensura, su piani diversi, idonee ad evitare che coloro che si credono esclusivi portatori di Verità possano non sentirsi offesi od insultati nella loro fede o nei propri sentimenti da alcunché. Come non ricordare, in proposito, la recente polemica sulla presenza del crocifisso nelle aule scolastiche o nei locali pubblici? Come sarebbe possibile stabilire, poi, ciò che deve essere oggetto di “tutela” dalla libertà di pensiero ed espressione e quello che può non esserlo? Nell’accettare delle limitazioni, inoltre, non correremmo forse il rischio che lo sviluppo di ulteriori “sensibilità” ne richieda di nuove? Nella trasmissione radiofonica “La Zanzara”, di ieri sera, il conduttore Giuseppe Cruciani, da ateo dichiarato, si chiedeva per quale motivo, ad esempio, i Vegani potrebbero essere oggetto di satira ed alcuni esponenti religiosi o profeti no. Gli esempi potrebbero essere molteplici e, sul punto, mi trovo d’accordo.

Non possiamo trascurare, peraltro, che sono proprio alcune pretese di ottenere la limitazione della libertà di espressione da parte di fedeli soprattutto di religioni monoteiste, che fanno crescere l’irritazione di molti cittadini occidentali, in quanto vissute come atto di intollerabile arroganza, e favoriscono spesso la fomentazione di forme di inaccettabile razzismo.

Capisco, infine, oltre alle ragioni “politiche” (rappresentate dalle difficoltà vissute dai Cristiani in alcuni territori a prevalenza islamica) che possono essere alla base delle citate dichiarazioni di Papa Bergoglio, il Suo invito ad opporre l’”arma” della mitezza contro la violenza bruta e la prevaricazione, pronunciato  confidando che essa possa illuminare le menti di quanti si possano sentire affascinati dalle parole inneggianti alla guerra “santa”. Tuttavia, nel ricordare che Lui stesso è stato costretto, in qualche misura, a chiedere un “intervento” ai Paesi occidentali in difesa dei perseguitati cristiani in diverse parti del Mondo, mi chiedo quale efficacia potrebbe dispiegare una tale resistenza contro i delinquenti di Boko Haram (non mi sembra, peraltro, che le ragazze e le bambine rapite non fossero miti o che disegnassero vignette satiriche) o contro il califfato dell’Isis (nemmeno gli Yazidi, perseguitati e massacrati, risulta che abbiano esercitato violenze o provocato in alcun modo le milizie jihadiste ed i loro ispiratori, salvo il caso in cui la professione di una fede diversa possa essere ritenuta un’offesa).

Il presente articolo viene pubblicato anche sulla pagina facebook e sul blog dell’Associazione (si accede con associazioneculturalepartecipazione.blogspot.com oppure cliccando in alto a sinistra della homepage su “blog”) in modo di consentire, a chi lo desiderasse, di poter agevolmente e tempestivamente commentare e scrivere sull’argomento.

 

Questo sito utilizza i cookies per gestire al meglio l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. L'utilizzo del sito comporta l'accettazione di tali cookies sul tuo dispositivo. Cliccando su Chiudi si accettano i cookies.

Informativa estesa sull'uso dei cookie